Spazio social

 



Puglia stregata: Shumov cade e si frattura il femore

Brutto infortunio per il bielorusso della General Store: costretto a saltare il mondiale


Brenzone (Vr), 25 settembre 2016 - E' stata davvero una trasferta stregata quella affrontata in Puglia in questo weekend con la General Store bottoli Zardini dal 22enne bielorusso Nikolai Shumov: dopo essersi aggiudicato ieri la Coppa Messapica a Ceglie Messapica (Br) ed essere stato retrocesso per una discutibile decisione del collegio dei commissari di gara, infatti, Shumov è rimasto coinvolto quest'oggi in una bruttissima caduta nel corso della Targa Crocifisso a Polignano (Ba) che ha costretto i sanitari a trasportarlo d'urgenza all'ospedale più vicino.

Per il ragazzo che a metà ottobre avrebbe dovuto gareggiare la prova in linea dei Campionati del Mondo Under 23 in programma a Doha (Qatar), i primi accertamenti radiografici effettuati all'Ospedale di Monopoli hanno messo un triste verdetto: frattura della testa dell'omero e prognosi, con i rispettivi tempi di recupero, che si allunga ben oltre il finale della stagione agonistica in corso.

"E' stata una caduta terribile per Shumov. Le sue condizioni sono apparse subito preoccupanti e per questo è stato predisposto il trasferimento in ospedale per tutti i controlli del caso. Solo in serata sono arrivati i primi responsi che hanno evidenziato una frattura alla testa dell'omero che, con ogni probabilità, comporterà un intervento chirurgico e un lungo periodo di riposo" ha riferito il team manager Roberto Ceresoli "Domani mattina l'equipe medica che lo sta seguendo effettuerà dei nuovi accertamenti per decidere i tempi e i modi dell'intervento".

"Questa caduta è una brutta tegola per Nikolai e per tutta la nostra squadra. La sua condizione era ottima e la vittoria di Ceglie Messapica ne è la conferma. Avevamo già predisposto tutto quanto era necessario per la sua partecipazione ai prossimi Campionati del Mondo ma anche questo sogno ora è andato in frantumi. Ora però i rimpianti non servono: l'unica cosa che conta è voltare pagina e fare tutto il possibile affinchè il ragazzo possa riprendersi e tornare in forma al cento per cento. Per questo gli concederemo tutto il tempo e il sostegno che sarà necessario al suo recupero" ha aggiunto il presidente Diego Beghini. "Nikolai in questi anni trascorsi con il nostro team è stato bersagliato dalla sfortuna che lo ha colpito con incidenti, cadute e infortuni a raffica: il desiderio è quello di vederlo correre una sta gione intera per permettergli di esprimere tutto il grande potenziale che ha a sua disposizione".